Quando l’uomo con il fucile incontra l’agonista condominiale con la pistola ad acqua non é detto che elo under finisca accoppato!

Scacco e poi Matto!

Quando l’uomo con il fucile incontra l’agonista condominiale con la pistola ad acqua non é detto che elo under finisca accoppato!

Ottobre 11, 2020 chess best games 0

Di solito quando si incontra un giocatore più forte, soprattutto quando come in questo caso ci sono 315 punti di differenza, il destino é ineluttabile, i fucili a canna lunga sono proiettati ad andare a segno. La fine é prossima, non resta che fare come il Manzoni e tanti altri alla fine del loro cammino terreno per tornare in chiesa e prendere i sacramenti prima della dipartita e sperare nella vita oltre la vita. Nel 1995 Milan Mrdja era un talentuoso agonista che macinava piazzamenti nei tornei nostrani. In effetti gli score personali con questo chess player dallo stile “fischeriano” mi vedono nettamente in svantaggio, ma qualche volta anche i ricchi piangono. In questa partita piena di imprecisioni ed errori da parte di entrambi il bianco commette il penultimo strafalcione e fa un pò di bancomat-elo. Ne consegue che se riesci a stare sul pezzo e a vivere tutti gli attimi della partita essendo presente sui fatti che riguardano la scacchiera, potrebbe succedere anche che il famoso CARPE DIEM possa concretizzarsi se l’avversario, umano, non é in giornata, anche se sulla carta gli scommettitori vi danno già trapassati. A quel punto anche il tuo sistema di credenze dal punto sportivo fa un passo avanti e crolla mentalmente un muro negativo, quello in cui avevi la convinzione di perdere sempre in partenza contro giocatori professionisti avvezzi a vincere facile con elo under. Stravolto questo principio puramente agonistico, può succedere di riuscire più volte a dimostrare che l’uomo con il fucile non sempre vince se non è in uno stato di grazia in quella giornata specifica.