Generare kaos tattico con la difesa PIRC anche contro giocatori dall’ elo top e perdere con onore é possibile? Si può fare!

Scacco e poi Matto!

Generare kaos tattico con la difesa PIRC anche contro giocatori dall’ elo top e perdere con onore é possibile? Si può fare!

Ottobre 18, 2020 chess bad games 0

Dipende sempre dalle scelte del bianco, se si scelgono linee dove il nero arrocco corto e il suo opponente lungo la rissa appare inevitabile, come nella partita che segue dove a un certo punto entrambi i giocatori si trovano la scacchiera simile a una tela cubista da ricomporre con pezzi in presa ovunque e varianti tattiche taglienti impossibili da scovare…conservo una certa dignità nell’ osservare questa partita persa, la considero una sorta di Guernica mancata, ma la strategia Sagan alla lunga paga, quella in cui se non riesci a fare qualcosa per lungo tempo e realizzarla nella pratica, prima o poi l’evento dovrà per forza avere in un prosieguo un finale a lieto fine (per Sagan era tornare alla vittoria dopo un anno e due mesi di digiuno, per il GMC l’obiettivo riguarda magari solo il riuscire a concretizzare una partita messa su con buone premesse estetiche, senza vanificare gli sforzi creativi). Poi le mie soddisfazioni in ambito condominiale comunque sono arrivate. Da apprezzare infine il sangue freddo e la flemma agonistica di un bianco che è stato per lunghi tratti nella partita aggredito, ma che con una difesa attenta e precisa è riuscito alla fine a sfangarsela. Quando il giocatore più forte vince sulla carta con il giocatore con elo under che ha scelto la PIRC come difesa, non è perché giocava con il fucile in opposizione alla pistola (per un pugno di dollari) e la B07 faceva cilecca, ma perché é stato più bravo e presente sulla scacchiera o comunque in grado di gestire gli squilibri della posizione nei momenti critici.